Panorama
The current Bet365 opening offer for new customers is market-leading bet365 mobile app You can get a free bet right now when you open an account.

PIS 11 - Itinerario Barocco Pugliese

PIS 11 - Itinerario Barocco Pugliese

Programma Integrato Settoriale(PIS) n. 11

Itinerario turistico-culturale "Barocco Pugliese"

Il progetto ITRI©BAROCCO.NET


Finalità ed obiettivi generali della proposta

Obiettivo principale del progetto è quello di incrementare la visibilità e le potenzialità turistico-ricettive dell´Area inclusa nel Polo Territoriale Centro Meridionale del PIS11, con la costruzione di oggetti fisici e virtuali che, attraverso le proprie funzionalità integrate, forniscano ai turisti, ai viaggiatori ed alla popolazione le motivazioni per:

  • Effettuare soggiorni e visite nei luoghi dotati di patrimonio artistico, storico, culturale e paesaggistico;
  • Partecipare ad eventi e manifestazioni organizzati sul territorio;
  • Fidelizzare il visitatore sopratutto per attrarlo in periodo oltre la tipica stagione estiva (destagionalizzazione).

Pertanto, lo scopo realizzativo del progetto è di creare dei contenitori turistico-culturali, in cui i visitatori possano conoscere l´Area, fruire di dati ed informazioni dettagliate utili per pianificarsi un proprio percorso di visita, conoscere dettagli multimediali ed ipermediali che le tecnologie renderanno disponibili, partecipare virtualmente a percorsi e costruzioni virtuali centrati sulle tipologie più peculiari sia dei singoli Centri sia dell´intera Area, quali, ad esempio:

  • Visitare virtualmente alcuni elementi più caratteristici dei centri storici;
  • Entrare virtualmente in palazzi storici, chiese, biblioteche, musei, ecc.
  • Partecipare virtualmente alla costruzione o alla scoperta del manufatto più caratteristico della zona, il trullo;
  • Scoprire il processo di costruzione del "muretto a secco" ed altri percorsi virtuali.

Il progetto, quindi, intende realizzare due meta-oggetti che potranno essere fruiti con modalità integrata, favorendo così la massimizzazione degli sforzi di realizzazione. Si tratta di:

  • Centri Visita (CV), che saranno allocati in strutture di rilevanza architettonica e saranno organizzati per rappresentare una finestra aperta sull´intera Area; essi saranno dotati di infrastrutture e tecnologie atte all´accoglienza del visitatore e saranno predisposti per l´esposizione di "attrazioni informative" sugli elementi più caratteristici del territorio;
  • Contenuti digitali, che saranno costituiti dal patrimonio inerente ai beni culturali, storici, architettonici e paesaggistici.

I Centri Visita


I Centri Visita (CV) del Polo Territoriale Centro Meridionale del PIS11, oltre ad avere un ruolo informativo per i turisti, sono concepiti anche per svolgere un'importante azione di sensibilizzazione diretta a tutti i visitatori della zona dei 20 Comuni del Polo.
Infatti, ogni CV rappresenta il biglietto da visita del territorio in quanto raccoglie e mette a disposizioni tutte le informazioni necessarie a coloro che intendono conoscere e vivere questa realtà. Come una vetrina sul territorio, contribuisce a delinearne l'immagine nei confronti dei visitatori e rappresenta il luogo ideale dove svolgere azioni di informazione, divulgazione, sensibilizzazione, accrescimento delle conoscenze ed educazione per usufruire del patrimonio naturale, ambientale, artistico e culturale, in particolare, riguardo i beni e le tradizioni culturali del Polo, promuovendo sia nella popolazione locale che nei turisti un comportamento responsabile per la valorizzazione e la salvaguardia dei beni artistico-naturali e dello sviluppo sostenibile.
Ogni CV rappresenta, inoltre, un centro di esperienze e di incontro per i turisti e la popolazione locale, attraverso proiezioni multimediali e tematiche su alcuni aspetti salienti del territorio, come ad esempio: percorsi nei centri storici; percorsi naturalistici e paesaggistici; lavorazione del muretto a secco; lavorazione dei trulli; visite in chiese e presso altre luoghi.
Il CV è un luogo fisico che, oltre a mettere a disposizione spazi appositamente attrezzati per accogliere piccole manifestazioni culturali, esposizioni permanenti di prodotti e processi inerenti le principali tradizioni agricole, artigiane ed eno-gastronomiche, costituisce soprattutto un luogo virtuale in cui la dimensione dell´informazione digitale assume molteplici forme per accrescere la conoscenza sul territorio, dal punto di vista turistico-culturale, ed in cui si integrano tecnologie della comunicazione avanzate, particolarmente fruibili dai diversamente abili.
All´interno di ogni CV sono fornite agli utenti cartine, immagini fotografiche, pannelli illustrativi, riviste e libri sul territorio ed i suoi Comuni, così come opere multimediali (ebook), postazioni PC con basi di conoscenza e contenuti digitali direttamente fruibili, al fine di veicolare e far conoscere meglio le bellezze paesaggistiche e le peculiarità culturali, naturali e storiche. In particolare, sono rappresentate digitalmente informazioni riguardo la principale corrente barocca, che si interseca e si integra con altre tendenze culturali ed architettoniche, come, ad esempio, l´architettura spontanea di molti centri storici, a testimonianza tangibile dell´incrocio di culture e di esperienze o prassi costruttive locali: un condensato di stili, esempi di diverse espressioni artistiche ed architettoniche che convivono
perfettamente e che connotano la bellezza di questo territorio. Inoltre, il CV è luogo di esperienze didattiche attraverso la disponibilità sperimentale di un laboratorio didattico, dotato di strutture e piattaforme per l´e-learning e per il CBT (Computer Based Training), messo a disposizione di una varietà di soggetti, quali scolaresche, gruppi di pratica e di interesse.
I CV integrano le dimensioni fisica e virtuale in un'unica struttura che mette in grado il visitatore di incrementare le esperienze ed il grado di conoscenza del territorio e di ogni oggetto di rilievo culturale, naturalistico, paesaggistico, architettonico e storico, nonché di "progettare" il proprio percorso escursionistico, di effettuare prenotazioni o, semplicemente, di acquisire informazioni, riguardo a:

  • strutture ricettive (alberghi tradizionali e diffusi, bed and breakfast, residenze storiche, residence e strutture per villeggiatura, strutture agrituristiche, ecc.);
  • visite a monumenti, opere d´arte, scavi archeologici;
  • manifestazioni culturali e concerti (opere teatrali e musicali in occasioni di festivals e tours);
  • manifestazioni sportive (gare agonistiche e dilettantistiche, tornei);
  • corsi e training happening (ad esempio, corsi ed addestramento relativi a lavorazioni locali svolti presso le strutture ricettive, pro-loco, associazioni, ecc.).

Il complesso degli elementi, dalla dotazione di strumentazioni per la fruizione virtuale delle informazioni all´organizzazione per l´accoglienza, privilegia la presenza del visitatore nel CV, che vede nella struttura sia un punto di orientamento per le escursioni, sia un ulteriore attrattore del territorio, per il quale vale , così come per un sito del territorio, lo slogan "vale una visita" e nel quale troverà piena rispondenza alle sue esigenze di conoscenza.
Per incrementare la funzionalità di centro informativo, il CV è dotato di un Call Center automatizzato, supportato dalla eventuale presenza di un operatore, che, oltre ad avere la tipica funzione di ricezione-trasmissione di informazioni con il supporto di adeguati software, costituisce un vero e proprio help-desk del turista, il quale può inoltrare richieste telefoniche, quali: prenotazioni di strutture ricettive, prenotazioni servizi navetta, prenotazioni di ogni altro tipo, ricevere fax, ecc.

I Contenuti Digitali

L´attività dei CV ruota attorno ai contenuti digitali, allo stesso modo di come essi costituiscono la linfa di ogni Portale Web.
I contenuti digitali previsti per il progetto in esame si basano sul principio di "catena del valore digitale". Tale principio sta alla base della scelta delle informazioni, per tipologia, formato e contenuto, il cui trattamento digitale crea una connessione ed un valore aggiunto, in termini di conoscenza, tra chi le produce e chi ne usufruisce.
La catena del valore digitale tende ad innalzarsi se i contenuti digitali riescono a raggiungere una più vista platea, fornendo spunti informativi che incrementano la conoscenza di ognuno, secondo le proprie esigenze ed aspettative. Per questo motivo, i contenuti digitali sono stati progettati e realizzati per essere fruiti con modalità tecnologiche diversificate ed adattati alle specifiche esigenze di rappresentazione e "lettura" delle informazioni.
Con questo requisito si vuole rafforzare l´idea che, una volta identificata un´unità informativa, la stessa viene rappresentata su più livelli, fornendo dettagli o contenuti specifici, sulla base delle scelte dell´utente e distribuiti in funzione anche delle tecnologie trasmissive disponibili: ciò significa che una unità informativa può essere rappresentata con tecnologia 3D e trasmessa su linee a larga banda, per consentirne una fruizione efficiente, mentre, la stessa unità informativa può essere rappresentata in forma "leggera", attraverso formati più comuni e distribuita su linee meno veloci. La differente fruizione, resa possibile dalla tecnologia, dipenderà dall´uso che si deve fare dell´informazione: un viaggiatore che fa "turismo culturale", può essere interessato a fruire di particolari architettonici di un bene che solo le tecnologie laser e 3D consentono, mentre, il turista estemporaneo può essere interessato a scoprire, per lo stesso bene, solo alcune caratteristiche descritte testualmente o attraverso semplici immagini.
Quindi, il progetto privilegia una struttura di informazione che si può definire di tipo "quantistico", poiché è presente in più forme e su più media e può essere fruita attraverso sistemi diversificati (ubiquitos computer).</